Siti tematici

 



 
Al via due importanti campagne di comunicazione sanitaria
Sassari 19 aprile – Al via due importanti campagne di comunicazione sanitaria targate Regione Sardegna e Istituto Zooprofilattico. I due temi sono il corretto uso dei farmaci antibiotici e il possesso responsabile di cani e gatti.

Partono oggi due campagne di comunicazione promosse dall’Assessorato regionale all’Igiene e Sanità e curate dell’Istituto Zooprofilattico della Sardegna. L’obiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini al corretto uso dei farmaci antibiotici e di stimolare comportamenti corretti nei confronti degli animali d’affezione. 

Il proliferare di batteri resistenti agli antibiotici è da anni oggetto di preoccupazione da parte della comunità scientifica. Da dieci anni, ad esempio, l’agenzia dell’Unione Europea ECDC - European Centre for Disease Prevention and Control – promuove la Giornata Europea degli Antibiotici, evento che vede l’adesione di organizzazioni sanitarie di 26 dei 28 Paesi membri. Alla giornata lo scorso mese di novembre  ha aderito anche l’Assessorato Regionale alla Sanità e l’Istituto Zooprofilattico attraverso la promozione di un convegno sul tema. L’utilizzo inappropriato di questi farmaci ha contribuito enormemente alla nascita di ceppi batterici sempre più resistenti ai trattamenti, sia nella cura dell’uomo che in quella degli animali. Il fenomeno ha raggiunto ormai livelli di guardia, tanto che si parla di 25.000 morti all’anno in Europa a causa dei batteri resistenti e di 750.000 morti nel mondo. Costi sanitari valutati in milioni di euro nella sola Unione Europea. Numeri che devono allarmare e che richiedono da parte di tutti, medici, veterinari, cittadini, una grande cautela nel loro utilizzo. A tutte queste categorie è quindi dedicata la campagna, che rilancia il messaggio dell’agenzia europea ECDC e lo invia capillarmente sul territorio sardo. Oltre ad una campagna di affissioni murarie infatti, è prevista una distribuzione di materiale promozionale sul tema a quasi 2000 studi medici e pediatrici privati, circa 600 farmacie, veterinari pubblici e privati, ospedali e ASL.

La campagna dedicata agli animali d’affezione risponde invece a due differenti problemi specifici. Da una parte, il numero eccessivo di cani cosiddetti “vaganti” e i cani abbandonati nelle campagne. Il fenomeno è spesso dovuto ad incuria di proprietari che dopo l”utilizzo” dell’animale (per lavoro di caccia/sorveglianza del bestiame) viene lasciato a sé stesso. Dall’altra, nelle aree urbane, il randagismo è alimentato per la maggior parte dal mancato inserimento del microchip che permetterebbe all’animale di essere ritrovato facilmente, nel caso di smarrimento o abbandono. E’ per questo che la campagna di comunicazione, per quanto riguarda le affissioni, avrà due linee differenti, una per le aree rurali, l’altra per le aree urbane. Oltre ai manifesti è prevista anche una campagna spot TV e una radiofonica. In particolare, il messaggio che si vuole trasmettere è che maltrattare, abbandonare, non prendersi cura in generale del proprio animale, una volta adottato, è un vero e proprio reato, punibile con multe salatissime e – in casi estremi – con la reclusione. 

Per entrambe le campagne sono previste spazi sui maggiori quotidiani sardi, un sito web dedicato all’interno del sito dell’Istituto Zooprofilattico e una pagina Facebook. 





Amministrazione trasparente
Gare
Concorsi
Avvisi e
Comunicazioni

Regolamenti
Elenco incarichi
Contrattazione
integrativa

Provvedimenti
Amministrativi


Relazione Tecnica
Quaderni Informativi
Guide per l'utenza
Corsi/Seminari

Informazioni
Link all'applicativo


La politica della Qualità
Elenco delle prove accreditate da Accredia
Certificato-Convenzione di Accreditamento

Sito
Determine
Bandi